Dog influencer: come scattare le foto al cane

foto al cane

Ciao Amici, oggi parleremo di come fare per scattare le foto al nostro cane senza causargli stress, quali sono i “trucchetti” giusti, e l’attrezzatura necessaria.

Dopo il post – premi qui se te lo sei perso – in cui vi ho raccontato, per grandi linee, in cosa consiste il mio/nostro lavoro  (parlo al plurale perchè Louis, in un certo senso, è un vero e proprio collaboratore), la seconda domanda che mi viene fatta più spesso è “ma come fai? il mio cane non sta fermo un attimo”.

Scattare le foto al cane? Si, ma senza stressarlo.

Volutamente primo punto di questo post. Il più importante. Vivete e fate vivere questo momento come un gioco, un momento sereno. Soprattutto se dietro ad una foto non c’è un cliente (e vi assicuro che è capitato che tardassi la consegna di un lavoro perchè a Louis non andava di far la foto).

Per scattare le foto al vostro cane è fondamentale, avere pazienza, tanta – non pensate o pretendete che si metta in posa fermo e vi faccia scattare la foto che avete in mente. Non succede. Louis, dopo anni, ancora non lo fa.  Ogni foto è il risultato di un rapporto tra voi, di un dare-avere, di un gioco.  Come per i giochi di attivazione mentale, con il tempo e le varie prove e i vari premi, il vostro cane capirà che per ottenere una ricompensa basterà star seduto, giocare con voi.

Forse è inutile che ve lo dica ma è importante che abbia mangiato (avete presente se ha fame come sbranerà il premietto che gli proporrete in cambio per la foto?XD), e che abbia fatto una bella passeggiata rilassante (non una corsa a perdifiato perchè poi vorrà, ovviamente, riposarsi).

 

Come insegnargli a star “in posa”:

“Seduto”, “a terra” e “resta” sono i comandi -principali – su cui dovrete lavorare. A prescindere dal discorso foto o dal modo in cui decidete di educare il vostro cane, questi tre comandi sono fondamentali nel rapporto cane-umano.

Vi dirò, e forse vi sembrerà assurdo, ma con Louis si sono perfezionati proprio da quando abbiamo iniziato a scattare le foto. Adesso, se per esempio sposto la macchina fotografica da un punto all’altro della casa, lui mi segue e mi si siede davanti, a prescindere.

Ci vuole tempo (quanto dipenderà anche un po’ dal vostro cane), pazienza e…

Premietti:

Sì, come ogni volta che gli si deve insegnare a fare qualcosa, i premietti, la ricompensa, il “rinforzo positivo” è alla base. In tantissimi mi avete chiesto “quanti biscotti ci vogliono per fare una foto?” ecco.. dipende un po’ dalla foto e dall’umore ma, abbastanza :) .

Con Louis scelgo i biscotti (li faccio a pezzetti per evitare di dargliene un kg per foto ;)). I würstel per esempio, con Louis, non vanno bene: si agita, sono troppo succulenti, e divora i pezzetti in tempo zero.

Quindi, dovrete trovare, in base ai gusti del vostro “modello” un premio che sia sì appagante ma non esageratamente.

Set:

Preparo lo scenario della foto senza Louis: sistemo gli oggetti, le luci, l’inquadratura, gli spazi. Solo quando sono “soddisfatta” faccio entrare Louis, lo lascio famigliarizzare con gli oggetti (prego che non li sposti, non ne sia impaurito -avete visto con il palloncino di San Valentino? – lo premio per farlo mettere nella posizione che avevo pensato).

foto cane san valentino
Se ti sei perso il backstage di questa foto, l’ho condiviso su Instagram: lo trovi nei contenuti in evidenza sul nostro profilo

Attrezzatura:

Tante, tantissime volte, utilizzo la fotocamera del cellulare: cerco di avere, nel tempo, un cellulare che abbia una buona fotocamera (al momento ho l’iphone X e mi trovo decisamente bene).

A volte (dipende dall’utilizzo che devo farne della foto e dalla situazione) utilizzo una macchina fotografica reflex (in particolare ho una Nikon d5300): inutile dire che le foto sono decisamente più belle di un qualsiasi cellulare, ma è un po’ più complicato. In primis il tempo di scatto (letteralmente i pochi istanti che passano tra l’inquadratura e lo scatto effettivo) è meno immediato del cellulare – e con un cane può fare la differenza. Altro punto un po’ complicato è il classico rumore di scatto: Louis, tende a chiudere gli occhi, quindi capita spesso che ci sia inquadratura perfetta, espressione perfetta, Louis perfetto ma… occhi chiusi :).

Luci: benchè  una foto si possa migliorare -tanto- dopo, in post produzione (col le app del cellulare o con programmi come Photoshop e Lightroom), partire con una buona base di luci è gran buona cosa. In particolare ho scelto per casa lampadine a luce fredda, e utilizzo spesso, delle luci fotografiche.

 

Il prossimo “episodio” di questa serie di post dedicati all’argomento “dog influencer” sceglilo tu! Se ci sono altre domande, curiosità, non esitare a scrivermi un messaggio.

Un abbraccio,

Maria e Louis

 

 

 

5 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© 2016 Copyright TIDB di Maria Cavallo - P.IVA: 03058150735