Quanto costa mantenere un cane

Quanto costa mantenere un cane?

 

Ciao Amici,

“Quanto costa mantenere un cane?” è una domanda che mi fate spesso, ma è anche LA DOMANDA che tutti, prima di “allargare la famiglia” dovrebbero porsi. Eccomi qui quindi, a raccontarvi, con la più assoluta sincerità, la mia esperienza personale.

 

 

I più “sentimentali”, spinti dalla corrente “basta che ci sia l’amore” saranno portati a pensare che questo sia un argomento venale, un “problema” facilmente aggirabile, o inesistente. Bene, non è così: l’amore, tutte le vostre attenzioni e le carezze non riempiranno la ciotola del vostro migliore amico! E, dovete, dobbiamo, pensarci, seriamente, prima. 

 

Salterò, per ovvietà, il discorso che “adottare” non costa nulla e “comprare” in allevamento può arrivare a cifre esorbitanti ma, vi assicuro che, la prima scelta non sarà “per forza” la più economica. (in entrambi i casi potrebbero subentrare mille variabili nel vostro percorso).

 

Quali sono le voci da mettere in bilancio?

VETERINARIO: una spesa da tenere ben presente e che, non potrete mai quantificare fino in fondo perché suscettibile di mille variazioni: la posizione geografica (al sud Italia le prestazioni veterinarie costano meno che al nord), il numero di vaccini imposti (variano in base alla località in cui vivete- o in cui viaggiate), le visite di controllo, la costituzione del vostro cucciolo e, quella dose di “fortuna” che accompagnerà il vostro percorso di vita e che richiederà più o meno l’intervento del veterinario.

(Es. Louis: vaccini 2 x 60euro – spesa fissa + eventuali extra)

  • MEDICINE: potremmo aprire una lunghissima parentesi sul costo delle medicine veterinarie ma rimandiamo. Restiamo in tema di bilancio: che facciate tutti gli scongiuri del caso, qualcosina, anche semplice come dei fermenti lattici, vi servirà: i medicinali costano moltissimo!   (Es.Louis , una “banale” gastroenterite – leggi qui – è costata 35euro di medicinali: 20 di farmaco + 15 di fermenti lattici).

TOLETTATURA: questa è una voce altrettanto variabile: si spende in base alla taglia, al tipo di pelo, al tipo di ambiente in cui vivete con il vostro cane, se scegliete un professionista o vi rimboccate le maniche e fate da soli ma, c’è una costante: costa!! (es. Louis ho “scelto” di tolettarlo una volta al mese – se partecipasse alle expo le sedute aumenterebbero – ed è un “leoncino” di taglia media che, Dio solo sa – ed il suo tolettatore – quanto lavoro richiede.) INDICATIVAMENTE: 40euro x 12mesi

CIBO: altra spesa, assolutamente indispensabile quanto variabile nel budget. Che scegliate alimentazione “casalinga” (ed in tal caso mi auguro e vi consiglio di rivolgervi al veterinario per stabilire la dieta), o al cibo industriale non potrà mancare, mai! Varia in base alla taglia, alle problematiche alimentari che eventualmente il vostro cane può avere, ai commercianti.      (Es.Louis – circa – 30euro x 12mesi)

ACCESSORI: Parliamo, per cercare di restare “precisi” nel bilancio di ciò che è indispensabile: collare, guinzaglio, antiparassitario, cuccia, ciotole – i costi variano molto in base alla taglia del vostro cucciolo. Collare ne servirà circa uno all’anno (ovviamente di più in fase di crescita) e il budget è molto variabile. Guinzaglio se di qualità e ben tenuto anche uno ogni 2 anni. Antiparassitario dipende dal tipo ma, meglio non dimenticarsene. Cuccia, una ogni 3 anni (ovviamente se gli lasciate usare letto e divani durerà molto di più :) ) . Ciotole, indicativamente,  2 ogni 3 anni. Se riuscite a restare in questi numeri vi faccio i miei più sinceri complimenti :D siete davvero morigerati e non vi lasciate trasportare dalla corrente dell’ “oddio che bello! glielo compro” (Es. Louis: in questa voce non riesco a riportare numeri perché, da sempre, non mi sono mai riuscita a frenare – piuttosto, come successo, non mangiavo ;) ). Diciamo, indicativamente, 200euro tutto

VIAGGI: avere un cane incide- anche- sulle vacanze e sugli spostamenti quotidiani. Prendere i mezzi pubblici di città con il proprio cane (in tante città è possibile) comporta acquistare il biglietto anche per lui (sembra un’ ovvietà ma per “loro” non c’è un abbonamento). Stesso discorso vale se si viaggia in treno o, laddove vi si rientri con la taglia, in aereo. Negli alberghi, non è prevista una maggiorazione del costo della stanza. Se invece vi separate dal vostro cane, lasciarlo in pensione costa dai 20euro – in sù – al giorno. (Es.Louis: viaggiamo in auto – spesso vuol dire spendere più dei mezzi pubblici – e cerco di non lasciarlo mai in pensione.)

“EXTRA”: in questa voce faccio rientrare l’addestramento: una spesa consigliata (ma che a volte può diventare obbligatoria- e quindi più dispendiosa- se per risolvere problemi comportamentali già radicati); (Es. Louis: ho perso in conto di quanto ho speso per superare i “nostri” problemi – leggi qui – indicativamente, problemi a parte, 500euro).

EXTRA2.0: giochi (palline, corde, attivazione mentale), snack (bastoncini, premietti): non saranno una “super” voce nel vostro bilancio ma, con qualcosa dovrete pure intrattenerlo :D indicativamente 150euro l’anno.

EXTRA 3.0: Rimborso marachelle : anche questa voce non è quantificabile ma, vi assicuro, sarà, più o meno, presente nel vostro bilancio.

 

Ecco, questo è, più o meno uno specchietto di quelle che sono le spese che si affrontano quando si è scelto di avere un membro della famiglia a quattro zampe.

Sicuramente un po’ “brutale” ma, quando si adotta un cucciolo, l’amore che si genera nei suoi confronti, porta a compiere, quasi, a “cuor leggero” qualche sacrificio.

 

Tra voi lettori, sicuramente (se seguite i social ci conosciamo anche) avrà già avuto un cane: vi ritrovate in queste spese? Avete da aggiungere qualcosa?

 

 

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© 2016 Copyright TIDB di Maria Cavallo - P.IVA: 03058150735